Le recensioni – Chiedi alla polvere, di John Fante

Chiedi alla polvere
John Fante
Einaudi, collana Stile Libero (in foto, quarta di Super ET)
2004

Arturo Bandini. Un uomo dalla struttura psicologica complessa e contraddittoria. La sua storia è quella che accomuna una carovana di uomini che, come lui, abbandonano la desolazione delle proprie origini per andare alla ricerca di una svolta, umana oltre che professionale. Il Colorado lascia così il posto alla soleggiata California, a Los Angeles. Qui si svolge il teatro della sua ascesa da giovane ragazzo con una rivista sotto il braccio a scrittore con la s maiuscola. A Los Angeles Bandini scopre quanto inconcludente possa rivelarsi l’esistenza umana, quanta indifferenza possa riservarti la folla disperata che ti circonda, quanto siano vani i desideri dinanzi alla vita. Una vita che sa regalarti solo polvere, polvere che si attacca alla pelle, che non va’ più via, e che è il segno indelebile di un’inettitudine quasi cosmica.
Non avevo a che fare con un protagonista così maledettamente sbagliato da tempo, intenta a leggere troppi libri con profili personali che rasentavano la perfezione. E invece Arturo Bandini è imperfetto, con tratti di lucidità disarmanti e altrettanti deliri di onnipotenza. L’indubbio talento creativo che lo contraddistingue diventa la scusante per un comportamento immaturo, egoista, sadico per certi versi. Il mix caratteriale deve fare i conti con un altro personaggio, quello di Camilla Lopez: donna controversa, in continua lotta con i propri demoni, che però non sono compatibili con quelli di Arturo. La schermaglia non-amorosa tra i due diventa uno specchio per le allodole, mettendo a nudo tutti i difetti del genere umano. Anche il personaggio di Vera, seppure per un inframezzo, si rivela elemento chiave per alcuni dei momenti di prosa più forti del testo.

Dov’erano finite le parole, i piccoli slanci di passione che avevo portato con me? Dov’erano i sogni e il desiderio, che fine aveva fatto il mio coraggio e perché me ne stavo lì a ridere smodatamente di cose che non mi interessavano? Avanti, Bandini… ritrova il tuo desiderio, abbandonati alla passione come fanno nei libri. Due persone in una stanza: una è una donna, l’altra Arturo Bandini, che non è né carne, né pesce, né niente.

John Fante, del quale non avevo letto nulla finora, ha regalato una magistrale opera letteraria, che rispecchia tutte le sfaccettature di un’America, quella del ‘900, che sembra non saper dare nulla, ma solo togliere. La scrittura senza freni, i continui cambiamenti della voce narrante, che è sempre la stessa ma al contempo diversa, lo consacrano sul podio. Una menzione a parte è riservata all’Appendice, presente in calce al testo, in cui tu lettore, nonostante ti sia rimasta in bocca un po’ di quella polvere dopo aver terminato il libro, sei disposto a dargli ancora tempo: scopri un mondo meraviglioso, fatto di esperienze vissute realmente, e crei un’empatia ancor più grande con quel protagonista così maldestro.
Inutile dirvi che il libro mi ha emozionato, ma non di quella stupida commozione che pure spesso mi assale. No. Mi ha toccato visceralmente.

Voto: 5/5

Annunci

Autore: giovannanappi89

28 anni. Pugliese trapiantata (temporaneamente?) al nord, in cerca di lavoro in maniera ossessivo compulsiva. Libri ne leggo, film e serie tv ne guardo, affetto ne do e ne ricevo. Mi mancava un blog, e l'ho aperto. Qui vi racconterò delle mie letture, degli eventi più interessanti, delle iniziative in giro per il Paese, sperando di regalarvi un pizzico della passione che da sempre nutro per quel meraviglioso eppure così oscuro mondo della letteratura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...