Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard – Le recensioni

Gli anni della leggerezza
Saga dei Cazalet
Elizabeth Jane Howard
Fazi editore, collana Le strade
2015

Siamo nel 1937, è estate e l’intera famiglia Cazalet sta per riunirsi in occasione delle vacanze nella tenuta di campagna. Elizabeth Jane Howard ci presenta così, en passant, una numerosissima famiglia, quattro figli e le loro rispettive parentele. Padri, madri, figli, nipoti, in una trama che, seppur intricata, ci viene proposta con una naturalezza mai fuori posto.
Iniziare a conoscere tutti i componenti della famiglia è certamente una bella impresa, le loro vicissitudini si intrecciano e spesso finiscono col sovrapporsi, ma sin da subito si intravede una linea guida, non è complicato confrontarsi con personalità diversissime e, proprio per questo motivo, riconoscibili dalle prime pagine. Sarebbe impossibile, infatti, non scorgere i tratti distintivi di ognuno di loro.
Rachel non è sposata, è una donna generosa, votata agli altri, ai suoi genitori soprattutto, e in generale a chi di volta in volta ha bisogno del suo aiuto; spesso rinuncia a se stessa, ai propri sogni – che restano rinchiusi in un cassetto – pur di non venir meno al suo dovere di figlia e di donna in generale. Hugh, primogenito tra i Cazalet, dotato di una tempra morale notevole. Il suo passato nella guerra continua ad avere degli strascichi nella sua vita, ma resta un marito attento ed un padre amorevole. Edward Cazalet, il secondogenito, sicuramente una delle figure meno simpatiche descritte dalla Howard: un uomo sicuro di sè, non integerrimo, che sbaglia sapendo di sbagliare e probabilmente non curandosene più di tanto. Ed infine Rupert, il terzo figlio: su di lui credo che siano state spese le parole migliori, quelle più emozionanti, di sicuro ciò che ho preferito in tutto il romanzo.

Mentre la prendeva tra le braccia e la tirava a sé nel letto, scoprì con uno stupore misto a tristezza e gratitudine che il suo amore per lei non dipendeva, come sovente aveva temuto, dalla sua ammirazione nei suoi confronti. Più tardi, mentre la guardava dormire, pensò: io l’ho sposata, e lei mi ha sempre dato tutta se stessa. Sono stato io a inventarmi una parte di lei, qualcosa che esisteva ma che lei non mi mostrava. Invece mi sbagliavo: non c’è nessun lato nascosto. La scoperta lo lasciò stupefatto e addolorato; poi cominciò a pensare che, se lui l’avesse amata abbastanza, lei sarebbe cambiata. Non era ancora in grado o non era ancora disposto a dire a se stesso che ciò era altamente improbabile se non impossibile; si aggrappò piuttosto alla più conciliante idea che, se era discutibile che una persona potesse cambiare grazie all’amore, di sicuro nessuno cambiava senza di esso.

Gli anni della leggerezza, quindi; quelli che precedono una crisi, quando ancora le proprie vicissitudini quotidiane vengono vissute per quel che sono, senza pensare più di tanto al futuro, o meglio, pensandoci svogliatamente, come a qualcosa di inevitabile che però non è ancora arrivato. Ma arriverà.
La leggerezza è quella di una prosa armoniosa, mai pedante, di una scrittrice che regala un romanzo familiare a regola d’arte. Pur non essendo un’appassionata del genere, mi è stato impossibile non addentrarmi nelle storie dei protagonisti, dietro le cui vicende si celano delle questioni universali, che in tempi e modi diversi coinvolgono tutti gli esseri umani.

Sono certa che i prossimi libri, che d’altronde già mi aspettano sullo scaffale, non saranno da meno.

Voto: 4/4

Annunci

Autore: giovannanappi89

28 anni. Pugliese trapiantata (temporaneamente?) al nord, in cerca di lavoro in maniera ossessivo compulsiva. Libri ne leggo, film e serie tv ne guardo, affetto ne do e ne ricevo. Mi mancava un blog, e l'ho aperto. Qui vi racconterò delle mie letture, degli eventi più interessanti, delle iniziative in giro per il Paese, sperando di regalarvi un pizzico della passione che da sempre nutro per quel meraviglioso eppure così oscuro mondo della letteratura.

3 thoughts on “Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard – Le recensioni”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...