Caino, di Elisabetta Cametti – La recensione

Un numero, il 29, ricorrente, quasi come fosse un’ossessione.

le

Una serie di indizi, sparsi qua e là per coprire una distanza enorme come quella che separa New York da Venezia. E Veronika, protagonista indiscussa dell’ultimo thriller di Elisabetta Cametti, che torna a regalare un libro dalla trama estremamente complessa. Seppure allontanatasi da una realtà che la faceva soffrire e rifugiatasi, come sempre, dietro la sua Reflex, c’è un’indagine con cui Veronika deve confrontarsi, abbandonando la fredda Groenlandia e ritornando a New York, dove una squadra di vecchi e nuovi collaboratori la aspetta per dare un senso alle vittime che Caino sta seminando per la città.

Il nome è esemplare di una condotta malvagia, “un essere umano della peggior specie” – non si dimentichi il ruolo di Caino all’interno della Bibbia, “è il primo assassino della storia, colui che non si è mai pentito e non ha mai chiesto perdono a Dio”. La sua tecnica, esteticamente perfetta, nasconde moventi inimmaginabili.

Ma a costo di compromettere la propria incolumità, Veronika e i suoi compagni non possono evitare di buttarsi nella mischia, per districare una matassa completamente ingrovigliata. L’autrice ha arricchito la trama mozzafiato di dettagli, che non riguardano solo la personalità di personaggi ben tratteggiati ma anche riferimenti al mondo dell’arte, dell’architettura, della storia. Insomma, ha creato una bomba ad orologeria pronta ad esplodere, con colpi di scena che sarebbe impensabile prevedere.

Caino è un thriller che si lascia leggere e che coinvolge: non è possibile infatti evitare di fare ipotesi su quale possa essere l’identità del killer, o chi sarà a soccombere nella lotta tra bene e male. Non si può non patteggiare per chi si è distinto per coraggio e generosità, davanti a scene raccapriccianti in cui vien fuori l’animo più nero di una mente criminale.

Caino
Elisabetta Cametti
Cairo editore
pp. 402
2016

Voto: 3/5

Annunci

Autore: giovannanappi89

28 anni. Pugliese trapiantata (temporaneamente?) al nord, in cerca di lavoro in maniera ossessivo compulsiva. Libri ne leggo, film e serie tv ne guardo, affetto ne do e ne ricevo. Mi mancava un blog, e l'ho aperto. Qui vi racconterò delle mie letture, degli eventi più interessanti, delle iniziative in giro per il Paese, sperando di regalarvi un pizzico della passione che da sempre nutro per quel meraviglioso eppure così oscuro mondo della letteratura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...