Recensioni

Terapia di coppia per amanti, Diego de Silva | la recensione

Mettiamo il caso che si presenti a voi un uomo che dice di chiamarsi Modesto Fracasso, cosa pensereste di lui?

Terapia di coppia per amanti

Di certo, il suo nome la dice lunga sulla sua personalità. Professione musicista, Modesto è sposato e ha un figlio e, ad un certo punto della sua vita, viene coinvolto in una delle esperienze meno piacevoli da fare, soprattutto per un uomo: la terapia di coppia. La situazione sarebbe già abbastanza particolare così, ma lo diventa ancora di più se la terapia di coppia in cui viene coinvolto gli viene imposta dalla sua… Amante. Eh, già, perché il protagonista di questa storia ha un’amante, Viviana, che, ad un certo punto della loro relazione, auspica a diventare qualcosa di più. E, allora, terapia sia!

Questa strana storia ce la racconta Diego De Silva, nel libro “Terapia di coppia per amanti”, edito da Einaudi nel 2015.

È una storia raccontata a due voci, quella di lui e quella di lei; è una storia in cui si mischiano tante storie: le loro, quelle dei loro partner “legali”, quelle dei loro figli, quelle dei loro amici e – strano a dirsi – anche quella del loro terapista, che, forse, di problemi ne ha più di loro.

La penna di De Silva, per chi lo conosce, si riconosce subito: leggera, pungente e sagace al punto giusto, anche questa volta è riuscito a non deludere le mie aspettative.

Mi capita davvero con pochi autori di trovare quell’empatia immediata, che ti dà un senso di intimità e amicizia. E Diego – a questo punto, azzardo a chiamarlo per nome, spero che non me ne vorrà! – è uno di questi. Le sue storie, in me, arrivano sempre dritte e precise.

Questo libro lo consiglio assolutamente a tutti, ma, soprattutto, lo consiglio a chi ha bisogno di una bella dose di coraggio e autoironia. Promosso!

Ilaria Orzo

Annunci
Standard